Per ottimizzare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione si autorizza l'uso dei cookies. Maggiori informazioni
Accetto

I Disciplinari

I Marchi di Qualitą

I disciplinari di produzione definiscono i requisiti dei prodotti che si possono dotare dei marchi della Ceramica Artistica e Tradizionale e della Ceramica di Qualitą. Sono redatti dai comitati disciplinari dei singoli comuni, composti da membri qualificati sotto il profilo tecnico-produttivo o artistico-culturale e nominati dal Ministero dell'Industria del Commercio e dell'Artigianato e, successivamente, approvati dal Consiglio Nazionale Ceramico.
I disciplinari del marchio CAT definiscono i caratteri fondamentali delle zone di affermata tradizione e descrivono la ceramica di quella zona, con particolare riferimento a modelli, forme, stili e decori ritenuti tipici, alle tecniche di lavorazione e produzione, alle materie usate e alla loro provenienza.
I disciplinari del marchio Ceramica di Qualitą, invece, hanno la funzione di definire le caratteristiche produttive e attestare le origini e il pregio estetico delle produzioni ceramiche, le quali, per l'originalitą e la molteplicitą di espressioni, mantengono uno stretto legame con il patrimonio storico e culturale del Paese e consentono di caratterizzare le produzioni innovative e contemporanee.
Nell'ambito delle Terre di Toscana Impruneta, Montelupo Fiorentino, e Sesto Fiorentino hanno approvato i seguenti disciplinari:

IMPRUNETA
Disciplinare di produzione della ceramica artistica e tradizionale approvato dal Consiglio Nazionale Ceramico del 04.03.08

MONTELUPO FIORENTINO
Disciplinare di produzione della ceramica artistica e tradizionale approvato dal Consiglio Nazionale Ceramico del 08.07.98 e successiva integrazione del 30.11.99

MONTELUPO FIORENTINO
Disciplinare di produzione del Marchio "Ceramiche di Montelupo" approvato dal Comitato di Disciplinare il 05/02/2009

SESTO FIORENTINO
Disciplinare di produzione della ceramica artistica e tradizionale approvato dal Consiglio Nazionale Ceramico del 30.11.00 e successiva integrazione del 28.11.02