Per ottimizzare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione si autorizza l'uso dei cookies. Maggiori informazioni
Accetto

La famiglie dei fornaciari

Impruneta

Un primo tentativo di ricostruzione delle famiglie dei fornaciai dell'Impruneta, effettuato alcuni anni addietro, ha evidenziato il precoce formarsi di vere e proprie dinastie di ceramisti, che progressivamente si aggiunsero a quelle dei Casini, dei Boncioli e dei Brandi, per le quali possediamo documenti già collocabili nel XIV e XV secolo; in molti casi si nota un'espansione per rami diversi dei medesimi nuclei familiari, che la ricerca storica potrà forse in futuro ricondurre ad un unico ceppo d'origine. E' così che nel Cinquecento compaiono le prime cognominazioni relative ai Cicali, ai Codacci, ai Falciani (i più numerosi in senso assoluto) ed ai Vantini, mentre nel secolo seguente si sviluppano le famiglie dei Lottini, dei Poggi, degli Scacciati, dei Soderi e dei Vanni.

Nel Settecento si possono infine seguire le vicende relative agli Agresti, ai Montauti-Danti ed ai Ricceri.
Tra Sei e Settecento, inoltre, i fornaciai dell'Impruneta avevano saputo diversificare la loro attività, tanto da riuscire, con o senza l'ausilio dell'ingobbio, a porre una verniciatura piombica su quell'argilla, così durevole, ma assai riottosa ad ogni genere di rivestimento. La maestria di questi ceramisti non ebbe eguali, in quel periodo, nella fabbricazione di manufatti dalle imponenti dimensioni, fossero essi grezzi o verniciati. Non pochi di questi fittili monumentali si conservano ancora oggi presso le residenze della nobiltà e della stessa Corte granducale, ove non di rado troneggiano nei giardini, sotto le logge o sugli scaloni di rappresentanza; essi si mostrano anche nelle antiche dotazioni degli ospedali della Toscana, come il Serristori di Figline o il Santa Maria della Scala di Siena.